Gruppi di interesse


Rete mondiale di preghiera del Papa

Assistente: don Giuseppe Angelino

Coordinatore: Paolo Garotti

Conosciuto fino a pochi anni fa come “Apostolato della Preghiera”, questo movimento di spiritualità nacque in uno scolasticato della Compagnia di Gesù a Vals, in Francia. Nel 1844 il rettore p. Gautrelet, per rafforzare la preghiera degli scolastici, introdusse la preghiera di Offerta quotidiana delle proprie azioni al Cuore di Gesù. Dal 2018 l’AdP è una fondazione pontificia sotto il nome di “Rete mondiale di Preghiera del Papa”. In questo seminario il gruppo venne fondato nell’anno 1921-1922 e continuò fino al 2009, anno della sua interruzione. Due anni dopo, nel 2011, alcuni seminaristi hanno rifondato il gruppo. La Rete si sviluppa come opera di preghiera “silenziosa” di intercessione per le intenzioni del Papa e per la Chiesa tutta; anima l’ora media e l’adorazione comunitaria nel primo venerdì del mese e nella “Settimana vocazionale”, durante la Quarta Settimana di Pasqua. Da pochi anni a questa parte il gruppo, oltre a riunirsi per condividere i frutti della Parola, vive un’esperienza  servizio nella città di Napoli, recandosi dai senza fissi dimora per portare qualcosa di caldo, una parola di conforto, e soprattutto l’incontro col Cristo povero e bisognoso che ci chiede di guardare a Lui nei loro volti, così da provare a coniugare la preghiera con opere di carità concreta.

 


GAMIS

Assistente: P. Andrea Piccolo SJ

Coordinatore: Carmine Esposito

II G.A.M.I.S. è il “Gruppo di Animazione Missionaria In Seminario” ed è presente nel Pontificio Seminario Campano Interregionale dal lontano 3 dicembre 1922. Cercando di attualizzare quel carisma missionario che appartenne a San Francesco Saverio, esso permette di formare in ciascun seminarista una coscienza missionaria, un sentimento profondo di carità, e un dovere di giustizia verso ogni persona di ogni terra. La missionarietà è senz’altro un aspetto importante di quella spiritualità e azione pastorale che ogni cristiano deve avere, in risposta all’invito di Cristo che chiama a portare la Buona Notizia del Vangelo a tutte le genti: “Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo” (Mt 28,19). Con la mediazione della preghiera come luogo di incontro e di relazione col Padre, si impara ad offrire le azioni della giornata per le missioni e per quanti sono impegnati in esse. In virtù di quel primo impegno, che è la preghiera, in tutto l’anno, il G.A.M.I.S., organizza momenti di preghiera esclusivi per le missioni: una messa periodica per l’evangelizzazione dei popoli; la Giornata dei Missionari Martiri; momenti liturgici nel mese di “Ottobre Missionario”. Inoltre, si vede impegnato nel servizio presso il bar della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, il cui ricavato in gran parte viene destinato ogni anno a diverse azioni missionarie.


Gruppo G.E.D.I. “Ecumenismo e dialogo interreligioso”

Assistente: padre Luigi Territo SJ

Coordinatore: Davide Leone

Vice coordinatori: Girolamo Mercede e Italo Prisco

Il G.E.D.I. nasce con l’intento di perseguire il desiderio del Concilio Ecumenico Vaticano II di ‘promuovere’ il ristabilimento dell’unità fra tutti i cristiani dato che la frattura creatasi fin dalle origini non solo si oppone apertamente alla volontà di Cristo, ma è anche di scandalo al mondo e danneggia la più santa delle cause: la predicazione del Vangelo ad ogni creatura (cf Unitatis Redintegratio, §1). Per questo la formazione ecumenica e l’apertura ad un dialogo interreligioso nei seminari, lungi dall’essere considerata una semplice opzione è in realtà un imperativo della coscienza cristiana illuminata dalla fede e guidata dalla carità. Difatti, come sostiene il Decreto sull’ecumenismo «è molto importante che i futuri pastori e i sacerdoti conoscano bene la teologia accuratamente elaborata in questo modo, e non in maniera polemica, soprattutto per quanto riguarda le relazioni dei fratelli separati con la Chiesa cattolica. È infatti dalla formazione dei sacerdoti che dipende soprattutto l’istituzione e la formazione spirituale dei fedeli e dei religiosi (Unitatis Redintegratio, §10). Uno dei momenti più importanti che il nostro gruppo vive qui in Seminario è la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani che quest’anno è stata promossa ed elaborata da un Gruppo ecumenico locale del Burkina Faso. Il tema scelto è tratto dal noto brano di Luca: “Amerai il Signore Dio e il tuo prossimo come te stesso” (Lc 10, 27).

 


Gruppo Musica

Coordinatore: Angelomaria Di Meglio

Il gruppo musica nasce nell’anno 2004, per dar vita ad uno spazio per quanti desiderano curare la passione per la musica. Ritrovarsi insieme è la vocazione originale del “Gruppo musica” che ancora oggi viene generosamente portata avanti con impegno e dedizione. Negli ultimi anni, si è cercato di ampliare la proposta attraverso il confronto e lo scambio di nuove idee, ai fini di un’apertura maggiore per il futuro del gruppo. L’obiettivo attuale è di lavorare per stimolare la curiosità e suscitare interesse verso il mondo della musica come strumento di comunicazione. Nella vita del seminario i momenti significativi, a cura del gruppo, sono le feste intercomunitarie ed eventi che permettono di conciliare il talento con la testimonianza e l’evangelizzazione attraverso il linguaggio universale della musica.


Gruppo Attualità Politica

Assistente: Don Umberto Guerriero

Coordinatore: Francesco Ferrandino

Il gruppo di Attualità e Politica, fondato l’anno scorso, è uno spazio dal respiro culturale nato per rispondere all’esigenza di apertura del seminario a quanto accade nel mondo. Ma perché “attualità” e “politica”? Nell’idea di guardare attentamente ogni avvenimento del nostro presente, la riflessione non si riduce al commento dei fatti di cronaca ma affonda le sue radici negli avvenimenti passati. Ma l’attualità è inevitabilmente anche legata alla politica. Essa determina la nostra vita, quella personale, delle nostre famiglie, anche se non ne siamo consapevoli. Ed è proprio a questa dimensione che ci rimanda il tempo presente. Capire la politica (dunque come agire), sopratutto essere portatori di un pensiero politico è importante per essere cittadini consapevoli. A partire dalla Parola di Dio il gruppo si confronta su temi condivisi al fine di proporre una riflessione, quindi una serie di incontri, aperti a tutta la comunità del seminario.


Gruppo Cinema-Teatro-Arte

Coordinatori: Fiorentino Andolfi – Silvio Mascolo

Perché a chiunque ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza, ma a chi non ha, verrà tolto anche quello che ha” (Mt 25,29). Come la parabola narrata nel Vangelo anche ognuno di noi è custode di un “talento donato” che molto spesso “seppelliamo” dentro di noi: ciò che il gruppo d’interesse “Cinema-Teatro-Arte” cerca di proporre, attraverso laboratori teatrali che artistici e le proiezioni di film, è un cammino di riscoperta ma soprattutto di consapevolezza dei propri talenti che o per paura o per disinteresse lasciamo morire dentro di noi tanto da perderci una bellezza così grande che può diventare “dono condiviso” con gli altri e, attraverso di esso, poter sperimentare quell’abbondanza promessa dal Signore. Ma oltre all’intendo spirituale che ci guida, il nostro intendo è fare noi stessi “cultura” nel suo significato etimologico: coltivare quelle passioni per non essere “giovani da poltrona” citando Papa Francesco, e non vivere in quel disinteresse generale che porta ad una vita sedentaria. Seguendo un tema annuale, il nostro percorso si articola in tre momenti fondamentali: la visione di alcuni film, teatro portato sullo schermo, per stimolare e generare un dibattito costruttivo ma soprattutto poter cogliere, attraverso ciò che vediamo dei personaggi, quella bellezza di fondo che li abita tanto da poter riscoprire anche la nostra; laboratori teatrali finalizzati ad una rappresentazione teatrale dove prendere consapevolezza del nostro corpo ma soprattutto di quella bellezza che ci abita e, attraverso l’immedesimazione nei personaggi e tecniche teatrali, far uscire il meglio di noi e infine laboratori artistici finalizzati alla realizzazione di opere dove poter rendere concreto e “dono condiviso” quella passione, perfezionandola e farla fruttificare.