In cammino verso la Pasqua

In cammino verso la Pasqua

In cammino verso la Pasqua

Quest’anno per la celebrazione introduttiva alla settimana santa abbiamo avuto come ospiti le suore di Madre Teresa che con la loro presenza ci hanno ricordato con forza che anche noi siamo chiamati al servizio verso gli ultimi. Questo è stato infatti uno degli spunti di riflessione che padre Franco ha messo in risalto con la sua omelia la quale è stata un ripercorrere i momenti fondamentali vissuti insieme durante la quaresima. È partito dal brano della Genesi (Gen17,3-9) per ricordarci che la promessa di Dio ad Abram si rinnova ogni giorno nella nostra vita. Troppo spesso, invece, restiamo centrati su noi stessi come un vero e proprio feto. L’invito che ci fa il rettore è quello di riscoprirci figli e soprattutto “figli tra figli”. Ci ha ricordato le parole di padre Carlo che, all’inizio della quaresima, ci invitava a riflettere sull’importanza del digiuno, della preghiera e dell’elemosina per vivere in maniera libera questo tempo di rinnovamento spirituale. Poi don Emilio Salvatore, che ci invitava a fidarci e ad affidarci per essere sempre di più uomini affidabili. Don Ettore che ci ha fatto riscoprire l’importanza di San Giuseppe che accetta un figlio non suo come testimone di chi accetta la volontà di Dio e si fida della Sua promessa. La via crucis che con le riflessioni delle famiglie e delle congregazioni religiose delle nostre diocesi ci ha fatto riflettere sulle difficoltà che nascono dallo stare insieme e di quanto sia importante affidarsi alle mani del Signore. Il Papa Francesco che in piazza Plebiscito ci ha invitato per ben tre volte a proclamare Gesù come Signore della nostra vita. Il rettore ci ha invitato poi a vivere il triduo pasquale come un dono da ricevere e non un dovere da portare a termine. Infine ha concluso con le seguenti parole di don Primo Mazzolari: “Mi impegno: senza giudicare chi non si impegna, senza accusare chi non si impegna, senza cercare perché non si impegna, senza disimpegnarci perché gli altri non si impegnano. Mi impegno perché non potrei non impegnarmi”. Santa Pasqua a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Post navigation

  Next Post :